Accertamento e contenzioso

L'autotutela e l'adesione «anticipano» il reclamo

di Rosanna Acierno

LA DOMANDA Uno dei miei clienti ha ricevuto dall'agenzia delle Entrate una lettera del nuovo redditometro, che gli contesta circa 18mila di imposte non versate, con sanzioni e interessi. In questo caso, il reclamo deve essere subito presentato, oppure è possibile andare direttamente al giudice tributario anche se l'adesione all'accertamento non dovesse andare a buon fine? Ci sono altri istituti cosiddetti deflattivi del contenzioso che potremmo tentare per risolvere la questione, sempre riservandoci in un secondo tempo, di presentare il reclamo?

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?