Accertamento e contenzioso

Iva, necessario provare la condotta criminosa

di Laura Ambrosi

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

L'accertamento induttivo per omessa dichiarazione Iva, fondato sui dati contenuti nella dichiarazione dei redditi presentata e sui dati di bilancio, non è sufficiente di per sé a provare la commissione del reato. È necessario, infatti, che la pubblica accusa dimostri la condotta criminosa. Ad affermarlo è la Corte di Cassazione con la sentenza n. 37335 depositata ieri . Un contribuente era stato dichiarato colpevole del reato di omessa dichiarazione di cui all'articolo 5 del Dlgs n. 74/2000 perché nella ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?