Accertamento e contenzioso

Residenza all’estero, decisiva l’attività prevalente

di Laura Ambrosi

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

Ai fini della residenza fiscale all’estero occorre dare rilevanza al luogo in cui è esercitata l’attività prevalente e, solo secondariamente, vanno verificate le relazioni affettive e familiari. Ad affermarlo è la Cassazione con la sentenza 6501/2015 depositata ieri. A un cittadino italiano residente in Svizzera e iscritto all’Aire dal 1978, l’agenzia delle Entrate aveva notificato un accertamento con il quale contestava l’omessa dichiarazione di redditi da lavoro autonomo. Il contribuente ha fatto ricorso contro quel provvedimento, evidenziando che ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?