Accertamento e contenzioso

Voluntary, sui beni all’estero si pagano anche Iva e diritti doganali

di Andrea Taglioni

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

Una delle questioni da tenere in considerazione nell’adesione alla voluntary riguarda gli eventuali oneri e adempimenti a cui gli aderenti andranno incontro qualora l’oggetto della regolarizzazione siano beni patrimoniali che, a prescindere da una effettiva produzione di redditi imponibili, sono comunque soggetti all’obbligo dichiarativo in materia di monitoraggio fiscale.Tra gli investimenti detenuti all’estero e che rientrano nella procedura sono compresi, tra gli altri beni, gli oggetti preziosi, le opere d’arte, le imbarcazioni o le navi da diporto o altri ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?