Accertamento e contenzioso

Niente schermo black list per le attività in Europa

di Antonio Della Carità e Marco Piazza

Nell’ambito della voluntary disclosure le attività finanziarie schermate mediante veicoli interposti localizzati in Paesi black list, ma effettivamente detenute presso un intermediario europeo o ubicato in un Paese che consente un adeguato scambio d’informazioni (collaborativo) dovrebbero essere soggette alle stesse sanzioni e termini d’accertamento validi per le attività direttamente detenute in questi ultimi Paesi (periodo d’accertamento ordinario: per il quadro Rw, sanzione minima del 3% ridotta del 50% e poi a un terzo; per i redditi, sanzione minima del ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?