Accertamento e contenzioso

Ammortamento a «scadenza»

di Laura Ambrosi

L’ammortamento degli oneri sostenuti su beni di terzi va commisurato alla durata contrattuale residua senza necessariamente considerare l’eventuale periodo di rinnovo automatico. Si tratta, infatti, di una scelta discrezionale dell’impresa fondata sull’utilità dei beni. A chiarirlo è la sentenza 382/2016 della Cassazione depositata ieri. L’agenzia delle Entrate ha notificato a una società due accertamenti conseguenti a una verifica svolta, con i quali rettificava l’imponibile Iva e imposte dirette. Tra le diverse contestazioni, l’ufficio ha disconosciuto il costo ammortizzato ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?