Accertamento e contenzioso

Violazioni lievi chiuse con l’acquiescenza

di Rosanna Acierno

In caso di lievi infedeltà o di errori di competenza, la strada più conveniente sembra essere quella dell’acquiescenza all’eventuale avviso di accertamento che l’Ufficio emetterà piuttosto che procedere con la regolarizzazione spontanea attraverso il ravvedimento operoso. Così come pure, in caso di violazioni della stessa indole ripetute in più periodi di imposta, la scelta più opportuna da fare sembrerebbe quella di attendere l’eventuale accertamento per poi pagare le sanzioni irrogate con riduzione a 1/3 accettando integralmente l’atto mediante acquiescenza ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?