Imposte indirette

Finanziamenti stipulati all’estero senza sostitutiva

di Marco Nessi e Roberto Torelli

La disciplina dell’imposta sostitutiva sui finanziamenti è la stessa dell’imposta di registro e pertanto se manca il requisito della territorialità (perché il contratto è stipulato all’estero), a meno che non possa presumersi lo scopo elusivo, l’imposta non è applicabile. È questo il principio espresso dalla Ctr di Milano nella sentenza del 1° febbraio 2016, n. 588/29/2016 (presidente Fabrizi, relatore Domenico Piombo). Nel caso esaminato, l’agenzia delle Entrate aveva accertato ad una banca italiana una maggiore imposta sui finanziamenti ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?