Accertamento e contenzioso

Lo scudo fiscale non prova la residenza fittizia all’estero

di Laura Ambrosi

L’adesione allo scudo fiscale non prova la residenza fittizia all’estero poiché il contribuente può comunque produrre prova contraria per superare la presunzione prevista per legge. A fornire questa interpretazione è la Cassazione con la sentenza 19484/2016 depositata ieri. Il contenzioso riguarda il famoso ex motociclista Max Biaggi. L’agenzia delle Entrate gli ha notificato un avviso di accertamento con il quale recuperava a tassazione dei redditi riferiti all’anno 2003, sul presupposto della natura fittizia della residenza estera. Più ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?