Accertamento e contenzioso

Concordato preventivo, ridurre il capitale porta la revoca

di Angelo Busani e Alberto Guiotto

Il concordato preventivo, in passato, era destinato esclusivamente all’imprenditore meritevole, perché “onesto ma sfortunato” e rispettoso delle norme di legge; di converso, condotte illecite del debitore o degli amministratori di società costituivano un motivo ostativo all’accesso all’iter. Da oltre un decennio il requisito della meritevolezza è stato eliminato, nel presupposto che i creditori siano liberi di approvare anche la proposta concordataria di un debitore dai comportamenti non ineccepibili. Tuttavia, occorre che il debitore consenta lealmente ai suoi ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?