Accertamento e contenzioso

Una lettera sbagliata «gonfia» il conto

di Salvina Morina e Tonino Morina

Considerato che il “conto” sarà fatto dall’agente della riscossione, prima di pagare, il contribuente dovrà verificare se il “conto” è giusto. Questo perché basta una lettera sbagliata nell’indicare le somme iscritte nei ruoli della riscossione che il conto diventa più “salato”. È quello che è capitato a diversi contribuenti che hanno ricevuto una previsione delle somme da pagare e si sono accorti che le sanzioni, invece di essere contraddistinte con la lettera «S» (sanzioni), ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?