Accertamento e contenzioso

Stop al ricorso che non chiama in giudizio le Entrate

di Antonio Zappi

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

È inammissibile un ricorso con il quale la parte ricorrente, per omessa notifica dell’atto presupposto, impugna un’intimazione di pagamento derivante da un accertamento definitivo, ma non “chiama” in giudizio le Entrate. Sono queste le conclusioni a cui è giunta la Ctp di Roma con la sentenza 10195/20/18 (clicca qui per consultarla ). La pronuncia trae origine dalla circostanza che l’Agente della riscossione, nel costituirsi in giudizio, dichiarava il proprio difetto di legittimazione passiva in merito alla validità ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?