Dichiarazioni e adempimenti

Remissione in bonis preclusa ai ritardatari

di Umberto Iannarilli

Le dichiarazioni tardive, entro 90 giorni dal termine, si considerano validamente presentate, ma non rilevano ai fini della cosiddetta “remissione in bonis”. È questa una particolare forma di ravvedimento operoso, introdotto dall’articolo 2, comma 1, del Dl n. 16/2012 (convertito dalla legge n. 44/2012), che consente al contribuente, qualora sia in possesso dei requisiti sostanziali, di regolarizzare gli obblighi di preventiva comunicazione e, in generale, gli adempimenti formali non eseguiti tempestivamente, necessari per poter fruire di benefici fiscali ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?