Imposte indirette

Dichiarazione Iva, spazio alle integrazioni

risposta di Giorgio Confente

LA DOMANDA Nel 2011 veniva utilizzato un credito Iva in compensazione oltre il limite di legge. Nel 2015 mediante l’istituto del ravvedimento operoso “lungo” si è provveduto al riversamento dell’Iva prima della notifica dell’atto di recupero (versando una sanzione del 5% anziché del 30%). In sede di compilazione del modello Iva 2016 emergeva l’assenza di un rigo idoneo in cui imputare il riversamento. Infatti il modello approvato non contiene un rigo specifico per questa tipologia di versamenti, ma prevede unicamente i righi VL40 per indicare l’ammontare corrispondente al credito riversato richiesto con appositi atti di recupero e VL29 per indicare solo l’imposta versata a seguito di ravvedimento di cui all’articolo 13 del Dlgs n. 472 del 1997, relativi al 2015. Quindi l’importo è stato inserito al rigo X03 ma arriverà sicuramente una comunicazione di irregolarità. Si chiede una possibile soluzione e l’inserimento di un nuovo rigo nel modello 2017.

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?