Dichiarazioni e adempimenti

Termini sovrapposti per i versamenti dell’Iva e delle dichiarazioni dei redditi

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

Novità anche quest’anno per i versamenti dei modelli di dichiarazione dei redditi, dovute principalmente al fatto che il 30 giugno cade di sabato. Ci si ritrova così con un calendario nuovamente ridisegnato rispetto allo scorso anno, con scadenze che in alcuni casi risultano sovrapposte e sulle quali occorrerà prestare una grande attenzione, per evitare di dimenticarsi di versare qualche rata.

Si ripresenta così, anche quest’anno, un nuovo caso di doppio versamento da effettuarsi nello stesso giorno che però, a differenza dello scorso anno, non riguarda più i non titolari di partita Iva, bensì questa volta i titolari di partita Iva che richiedono il differimento del versamento di 30 giorni con l’applicazione della maggiorazione dello 0,40 per cento.

Tale particolarità, che lo scorso anno aveva creato non poche difficoltà alle software house nel giustificare l’operatività delle procedure nei confronti dei propri clienti, diventa di fatto una consuetudine sulla quale occorre in ogni caso prestare la dovuta attenzione.

Il calendario 2018
Ricordiamo che per le persone fisiche la regola generale dei versamenti prevede che il saldo che risulta dal modello Redditi Pf e l’eventuale prima rata di acconto devono essere versati entro il 30 giugno dell’anno in cui la dichiarazione viene presentata, oppure entro i successivi 30 giorni pagando una maggiorazione dello 0,40%, mentre la scadenza dell’eventuale seconda o unica rata di acconto è il 30 novembre.

Per effetto del fatto che quest’anno il 30 giugno 2018 cade di sabato:
•il termine per effettuare il pagamento della prima rata senza maggiorazione slitta a lunedì 2 luglio 2018;
•il termine per effettuare il pagamento della prima rata con maggiorazione dello 0,40% slitta al 20 agosto 2018, in quanto il termine teorico del 1° agosto 2018 (calcolato sommando 30 giorni al 2 luglio) cade a sua volta nella cosiddetta proroga di Ferragosto.

Quindi il calendario per le persone fisiche non titolari di partita Iva sarà il seguente.
•1° rata: 2 luglio 2018 senza maggiorazione, oppure 20 agosto 2018 con maggiorazione;
•2° rata: 31 luglio 2018 senza maggiorazione, oppure 31 agosto 2018 con maggiorazione;
•3° rata: 31 agosto 2018 senza maggiorazione, oppure 1 ottobre 2018 con maggiorazione;
-4° rata: 1° ottobre 2018 senza maggiorazione, oppure 31 ottobre 2018 con maggiorazione;
•5° rata: 31 ottobre 2018 senza maggiorazione, oppure 30 novembre 2018 con maggiorazione;
•6° rata: 30 novembre 2018 senza maggiorazione.

Il calendario per le persone fisiche titolari di partita Iva sarà invece il seguente.
•1° rata: 2 luglio 2018 senza maggiorazione, oppure 20 agosto 2018 con maggiorazione;
•2° rata :16 luglio 2018 senza maggiorazione, oppure 20 agosto 2018 con maggiorazione;
•3° rata: 20 agosto 2018 senza maggiorazione, oppure 17/9/2018 con maggiorazione;
•4° rata :17 settembre 2018 senza maggiorazione, oppure 16 ottobre 2018 con maggiorazione;
•5° rata: 16 ottobre 2018 senza maggiorazione, oppure 16 novembre 2018 con maggiorazione;
•6° rata: 16 novembre 2018 senza maggiorazione.

Attenzione quindi che le persone fisiche titolari di partita Iva, che effettuano il versamento con maggiorazione dello 0,40%, devono versare entrambe le prima due rate insieme, entro lo stesso termine del 20 agosto 2018.

Ricordiamo che si possono versare in rate mensili le somme dovute a titolo di saldo e di acconto delle imposte, compresi i contributi risultanti dal quadro RR relativi alla quota eccedente il minimale, ad eccezione dell’acconto di novembre che deve essere versato in un’unica soluzione.

Sugli importi rateizzati sono dovuti gli interessi nella misura del 4% annuo, da calcolarsi con il metodo commerciale a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza della prima rata fino alla data di scadenza della seconda. Gli interessi da rateazione non devono essere cumulati all’imposta, ma devono essere versati separatamente.
Per ulteriori chiarimenti è possibile far affidamento sulle istruzioni del modello Redditi Pf, in quanto l’agenzia delle Entrate ha fatto anche quest’anno un ottimo lavoro esplicativo, fornendo un quadro molto chiaro delle scadenze.

Versamento del saldo Iva nei termini della dichiarazione dei redditi
Le diverse possibilità di versamento e di rateazione, da effettuarsi nei termini dei versamenti delle dichiarazioni dei redditi, sono state confermate anche in relazione al debito annuale dell’Iva, per cui l’operatività, anche a livello di procedure informatiche, è rimasta di fatto inalterata.

I soggetti passivi ai fini Iva possono infatti avvalersi del differimento del versamento dell’Iva al 2 luglio 2018, maggiorando le somme da versare (al netto delle compensazioni) degli interessi nella misura dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo 2018, ovvero entro l’ulteriore termine differito del 20 agosto 2018. In tale evenienza sulla somma dovuta al 2 luglio 2018 andranno applicati gli ulteriori interessi dello 0,40 per cento.

In pratica risultano applicabili gli articoli 6 e 7, comma 1, lettera b), del Dpr 542 del 1999 che consentono il differimento del versamento del saldo Iva dal 16 marzo al 30 giugno, come previsto dall’articolo 17, comma 1, del Dpr 435 del 2001, termine che può essere ulteriormente posticipato di 30 giorni per effetto delle disposizioni del successivo comma 2.

Di conseguenza, i contribuenti hanno cinque diverse possibilità:
•versare il saldo entro il 16 marzo 2018 in un’unica soluzione, senza alcuna maggiorazione;
•rateizzare l’importo dovuto in un massimo di 9 rate di pari importo (fino a novembre), versando la prima rata entro il 16 marzo 2018 e le rate successive alla prima entro il 16 di ciascun mese, maggiorate degli interessi dello 0,33% mensili;
•differire il pagamento del saldo al 2 luglio 2018 e versarlo in un’unica soluzione, con la maggiorazione dello 0,40% per ciascun mese tra il 16 marzo 2018 e il 2 luglio 2018;
•rateizzare il versamento a partire dal 2 luglio 2018, in un massimo di 6 rate di pari importo (fino a novembre), con la maggiorazione dell’1,60% (0,40% per ciascun mese o frazione tra il 16 marzo e il 2 luglio), con l’ulteriore applicazione degli interessi dello 0,33% su ogni rata successiva alla prima (da pagare anch’essi entro il 16 di ogni mese);
•rateizzare il versamento a partire dal 20 agosto 2018, in un massimo di 5 rate di pari importo (fino a novembre), con la maggiorazione massima del 2,40% (0,40% per ciascun mese o frazione tra il 16 marzo e il 20 agosto), con l’ulteriore applicazione degli interessi dello 0,33% su ogni rata successiva alla prima (da pagare anch’essi entro le medesime scadenze).

Versamento del saldo Iva per i soggetti con esercizio non solare
In relazione ai soggetti con esercizio non coincidente con l’anno solare, l’agenzia delle Entrate ha già in passato precisato che una lettura sistematica e coordinata delle norme porta a ritenere che il rinvio contenuto nei citati articoli 6 e 7, comma 1, lettera b), deve intendersi comunque fatto al solo termine fisso del 2 luglio 2018 (o del 20 agosto 2018).
Ciò significa, in altre parole, che anche i soggetti con esercizio non coincidente con l’anno solare possono avvalersi del differimento del versamento dell’Iva, disposto dall’articolo 6, del Dpr 542 del 1999, ma al più tardi entro il 2 luglio 2018 (o il 20 agosto 2018).

Modalità di calcolo della maggiorazione dello 0,40%
Circa le modalità di determinazione della maggiorazione dello 0,40% l’agenzia delle Entrate aveva dato indicazioni già lo scorso anno che, nonostante la soppressione del modello Unico, permane la possibilità di compensare il debito Iva con i crediti del modello Redditi e di applicare la maggiorazione al solo ammontare di debito Iva non compensato.
Infatti, come già chiarito con la circolare 144 del 1998 (paragrafo 5.5), nonché con la circolare n.113 del 2000 (quesito 1.7), «la specifica maggiorazione dello 0,40%, prevista per ogni mese o frazione di mese dal citato articolo 6 del Dpr 542 del 1999, si applica…. sulla parte del debito non compensato con i crediti riportati in F24». Tale precisazione resta valida ancorché non più riprodotta nella modulistica di riferimento.
D’altronde, in presenza di crediti d’imposta compensabili già a partire dal 1° gennaio, la scelta di rinviare l’esposizione nel modello F24 della compensazione del debito Iva con detti crediti, dalla data di scadenza del saldo annuale Iva (16 marzo 2018) a quella di scadenza del versamento delle imposte dirette (2 luglio 2018), è solamente formale e non può per questo produrre interessi.

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, due vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance della fatturazione unificata per i gruppi Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva alla prova della convenienza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, la via dell’integrazione dei sistemi per aumentare i vantaggi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, da subito l’obbligo di conservazione sostitutiva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

E-fattura, codice convenzionale se il cliente non comunica l’indirizzo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag