Dichiarazioni e adempimenti

Nella fattura elettronica differita va indicata la data dell’operazione

di Albino Leonardi

LA DOMANDA Un commerciante al minuto, quando il cliente (solitamente soggetto passivo Iva e raramente privato) in luogo dello scontrino chiede la fattura, procede emettendo un documento di trasporto cartaceo integrato del corrispettivo comprensivo di Iva (senza quindi emettere scontrino fiscale o ricevuta fiscale) e procedendo a fine mese alla fatturazione differita dei documenti di trasporto emessi. I corrispettivi certificati con scontrino fiscale vengono riportati sul registro dei corrispettivi, mentre le fatture differite vengono riepilogate sul registro delle fatture di vendita. Si chiede se tale procedura, mantenuta in essere anche con l’avvento della fatturazione elettronica, possa essere mantenuta anche con l’obbligo dal 1° luglio 2019 dei corrispettivi telematici.
B.P. – Prato

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?