Imposte indirette

L’imposta va «scomposta»

di Riccardo Zavatta

Quando il servizio è «promiscuo» occorre seguire criteri oggettivi per emettere correttamente la fattura. La precisazione è contenuta nel paragrafo 8 della circolare n. 14/E/2015 , dedicato alle prestazioni in reverse charge nei confronti di enti non commerciali che svolgono anche attività commerciale. Se l’utilizzo della prestazione è misto, la quota da fatturare senz’Iva per effetto del reverse charge, va determinata tenendo conto del contratto o di altri parametri oggettivi. In caso di servizi di pulizia, per esempio, ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?