Imposte indirette

Sì alla registrazione tardiva Iva delle fatture intracomunitarie (ma entro due anni)

di Luca Benigni e Ferruccio Bogetti

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

Sempre possibile la registrazione tardiva ai fini Iva delle fatture di acquisto intracomunitarie a condizione che ciò avvenga entro due anni dalla data di effettuazione dell’operazione, pena la perdita dell’Iva ammessa in detrazione e il pagamento della sanzione. Circa la detrazione dell’Iva passiva, intanto tale possibilità dipende dal rispetto della norma sostanziale e non da quella formale e poi la detrazione dell’Iva ammessa dalla norma europea può essere limitata dalla normativa nazionale se stabilisce un termine decadenziale in caso ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?