Imposte indirette

Iva, così il riaddebito di fatture emesse per errore

di Stefano Setti

LA DOMANDA Una società, appartenente a un gruppo societario, riceve per errore una fattura di nolo auto. Due mesi dopo averla registrata, si accorge che non è di competenza sua, bensì di un'altra società del medesimo gruppo, e decide, quindi, di addebitarne il relativo importo. Si ritiene che fatturare ex articolo 13, 5° comma, del Dpr 633/1972 non sia corretto, in quanto trattasi di un servizio e non di beni, mentre sarebbe corretto emettere fattura imponibile Iva, ex articolo 3 (mandato senza rappresentanza), indicando come imponibile l'importo originale della fattura ricevuta, maggiorato dell'Iva indetraibile. Qual è il parere dell'esperto?

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?