Imposte indirette

Accertamento Iva, per il fornitore rivalsa in salita se il cliente regolarizza

di Stefania Saccone

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

In caso di accertamento Iva, il fornitore può esercitare il diritto di rivalsa nei confronti del proprio cliente dopo aver pagato l’imposta accertata, le sanzioni e gli interessi all’Erario. Specularmente, il cliente può esercitare il diritto alla detrazione, salvo limitazioni soggettive/oggettive, all’avvenuto pagamento dell’Iva addebitatagli in via di rivalsa (articolo 60, comma 7, Dpr 633/1972 ). In pratica, per un’operazione originariamente fatturata in esenzione per la quale è stata accertata una maggiore Iva pari a 22 euro in capo ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?