Imposte indirette

Iva 2015, alla cassa entro l’acconto per dribblare il rischio-reato

di Laura Ambrosi

La scadenza dell’acconto Iva segna la data di consumazione del reato di omesso versamento Iva per l’anno precedente, e quindi, nei prossimi giorni, in assenza dei pagamenti dovuti, si realizza il delitto relativo al periodo di imposta 2015. In virtù delle modifiche apportate dal Dlgs 158/2015 il reato in questione, previsto dall’articolo 10 ter del Dlgs 74/2000, sanziona ora con la reclusione da sei mesi a due anni, chiunque non versi l’Iva, dovuta in base alla dichiarazione annuale, entro ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?