Imposte indirette

Contratti di gioco a distanza, remunerazione con Iva ordinaria

di Andrea Taglioni

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

La remunerazione del soggetto che procaccia, organizza, supporta e coordina la conclusione dei contratti di gioco a distanza per conto del concessionario, debitamente autorizzato dall’agenzia delle Dogane, sconta l’Iva ordinaria. È esclusa pertanto l’esenzione dell’Iva, trattandosi di prestazioni che, unitariamente e complessivamente considerate, esulano dall’effettiva attività di intermediazione a cui la norma ricollega l’inapplicabilità dell’imposta. È questa la conclusione a cui è pervenuta l’agenzia delle Entrate con la risposta 89/2018 di ieri (clicca qui per consultarla ). ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?