Imposte indirette

Modifiche comunitarie all’Iva, la road map per l’adeguamento dei software

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

Un altro dei fronti su cui i centri studi delle software house dell’area contabile e fiscale mantengono elevata l’attenzione, riguarda le novità relative all’Iva comunitaria che troveranno applicazione a partire dal 1° luglio 2022 («prima fase»), ma che in parte esplicheranno effetto già dal 1° gennaio 2020. Se è vero, infatti, che per l’avvio a regime della «prima fase» mancano ancora più di due anni e mezzo, un lasso di tempo sicuramente ancora piuttosto lungo, tuttavia non va ma dimenticato che già dal 1° gennaio 2020 qualcosa cambierà (più avanti una breve disamina) e che il processo di adeguamento dei software è sempre piuttosto complesso e parte sempre dall’approfondimento di normative non ancora del tutto completate, né tantomeno assimilate, e quasi sempre nella totale assenza del supporto di interpretazioni ufficiali da parte dell’agenzia delle Entrate.

Senza dimenticare che le software house di oggi, sono aziende oramai molto strutturate, in cui il processo decisionale sullo sviluppo di nuovi pacchetti o anche di semplici funzionalità non può prescindere delle necessarie analisi di mercato, che richiedono anch’esse tempi lunghi, laddove le difficoltà risiedono nel fatto che i clienti finali al momento dell’indagine non sono ancora coinvolti nella gestione di problematiche che dovranno affrontare in futuro, mentre invece le risposte sugli interventi da fare servono subito.

Va detto che questa volta - almeno sul tema dell’inquadramento normativo - un buon aiuto ce lo ha dato il Cndcec, che lo scorso mese di settembre 2019, insieme alla Fondazione nazionale dei commercialisti, ha pubblicato un interessante studio dal titolo «Gli scenari futuri dell’Iva alla luce delle direttive e delle proposte dell’Ue», che sintetizza le novità che ci aspettano a partire proprio dal mese di luglio del 2022.

Ed è proprio da questo studio prendiamo spunto per cercare di individuare quelli che sono gli aspetti operativi che sicuramente richiederanno adattamenti importanti dei software gestionali.

Il quadro normativo in sintesi
La riforma del sistema Iva prevede la creazione - in due fasi ben distinte - di uno «spazio unico europeo» per l’applicazione dell’imposta. La prima fase, che è prevista con decorrenza 1° luglio 2022, prevede una riforma del sistema che si pone quali obiettivi quelli di essere orientata «ad una maggior semplicità, alla necessità di meglio fronteggiare il crescente rischio di frodi e a una maggiore efficienza, oltre che fondato su un più elevato livello di fiducia fra imprese e amministrazioni fiscali e fra le stesse amministrazioni fiscali dei vari Paesi Ue».

In questa prospettiva il sistema dell’Iva si baserà sul principio dell’imposizione nel paese di destinazione dei beni, allo stesso modo di quanto avviene per le cessioni nazionali, venendosi a superare l’attuale sistema che prevede l’inversione contabile.
In questo modo i fornitori e i prestatori non potranno più trarre alcun vantaggio significativo dall’essere stabiliti in uno Stato membro che applica aliquote più basse e pertanto la diversità delle aliquote Iva non dovrebbe più perturbare il funzionamento del mercato unico.

L’idea è quindi quella di un’adozione generalizzata dello sportello unico Moss, già utilizzato per i servizi di telecomunicazione, di teleradiodiffusione ed elettronici, e per il quale è prevista l’estensione a tutte le operazioni del commercio elettronico, che permetterà alle imprese di essere soggette all’obbligo di registrazione ai fini Iva (partita Iva) solo negli Stati membri in cui sono stabilite.

A livello amministrativo, lo Stato membro in cui arrivano i beni dipenderà dallo Stato membro di partenza per riscuotere l’Iva dovuta sulla cessione transfrontaliera.
In ogni caso verrà garantita agli operatori una transizione armoniosa, tramite un’attuazione graduale del passaggio al sistema definitivo.

Per tale motivo, nella «prima fase» il nuovo principio di tassazione si applicherà, mediante implementazione dello strumento dello sportello unico Moss, alle sole imprese che non siano certificate dalle rispettive amministrazioni fiscali, mentre le imprese certificate dalle loro amministrazioni fiscali continueranno come ora a essere debitrici dell’Iva per i beni acquistati da altri paesi dell’Ue.

In altre parole, se il cessionario sarà un «soggetto passivo certificato» (Certified taxable person: Ctp), ossia da un soggetto passivo ritenuto affidabile dall’amministrazione fiscale, tale operatore continuerà a operare il versamento dell’Iva sui beni acquistati da altri Stati membri con il sistema attuale del reverse charge, esattamente come accade già oggi.

Nella «seconda fase», invece, il versamento dell’Iva sarà a carico del cedente con le aliquote del paese del cessionario, in modo che tutte le cessioni di beni e servizi nel mercato unico, nazionali o transfrontaliere, vengano trattate allo stesso modo.

Insieme allo spostamento della tassazione nel Paese di destinazione, potrebbe esserci anche un’importante revisione a livello di aliquote Iva. La proposta prevede la sostituzione della lista dei beni e servizi ad aliquota ridotta con altra lista dei beni e servizi obbligatoriamente ad aliquota Iva ordinaria, con ciò rovesciando la logica di sottoporre ad aliquota normale tutti i beni/servizi per i quali non sia prevista l’applicazione di un’aliquota ridotta.
Sarà altresì mantenuta la possibilità di prevedere una o due aliquote ridotte di misura non inferiore al 5% ed è concessa la facoltà di prevedere un’aliquota super-ridotta inferiore al 5% o un’aliquota «zero» con attribuzione, però, del diritto di detrazione dell’imposta sugli acquisti. A condizione che l’aliquota media ponderata - che tiene conto di tutte le aliquote vigenti nello Stato - sia sempre superiore al 12 per cento.

Le norme che entreranno in vigore già dal 1° gennaio 2020
Ci concentriamo, a seguire, unicamente sulle norme che entreranno in vigore già dal 1° gennaio 2020, essendo al momento forse prematuro approfondire ulteriormente le regole sopra illustrate, che applicheremo solo dal 1° luglio 2022. La direttiva Ue 2018/1910 contiene una serie di novità, tutte con effetto dal 1° gennaio 2020, in materia di:
•numero identificativo Iva;
•transazioni «a catena» (triangolazioni);
•disciplina del cosiddetto «call off stock».

Il regolamento 282/2011 contiene, invece, le nuove regole in materia di prova del trasferimento dei beni oggetto di una cessione intracomunitaria, che avranno anch’esse con effetto dal 1° gennaio 2020.

Il numero di identificazione Iva
Per quanto attiene al numero di identificazione Iva, la direttiva prevede che detto numero diventi per il fornitore - oltre che elemento necessario per il trasporto dei beni al di fuori dello Stato membro di cessione - anche condizione sostanziale, oltre che requisito formale, per l’applicazione della non imponibilità in fattura. Inoltre l’applicazione della non imponibilità in fattura sarà condizionata:
•dall’inserimento dei dati del cessionario nel Vies, elemento che diventa essenziale per consentire allo Stato membro di arrivo di essere informato della presenza dei beni nel suo territorio;
•dalla condizione che il cessionario sia identificato ai fini dell’Iva in uno Stato membro diverso da quello in cui la spedizione o il trasporto dei beni ha inizio e che egli abbia comunicato al cedente tale numero di identificazione Iva.
•che il cedente rispetti l’obbligo di presentazione dell’elenco riepilogativo Intrastat (di cui agli articoli 262 e 263 della direttiva n. 2006/112/Ce) e che tale elenco riporti le informazioni corrette sulla cessione intracomunitaria (fra cui è compreso l’identificativo Iva del cessionario).

Tali modifiche normative sono chiaramente destinate a esplicare la propria efficacia dal 1° gennaio 2020 e fino al 30 giugno 2022.

Le transazioni a catena (triangolazioni)
Per quanto riguarda le cosiddette «transazioni a catena» (triangolazioni), che sono costituite da più cessioni di beni cui segue un unico trasporto intracomunitario, l’esigenza di una loro disciplina uniforme è derivata dai diversi approcci adottati in questi anni dai singoli Stati membri in riferimento a tali fattispecie, approcci che hanno avuto come conseguenza - in alcuni casi - la doppia imposizione o la non imposizione.

In particolare le difficoltà di applicazione delle norme sono sempre state legate all’individuazione dell’operazione alla quale sia imputabile il trasporto, che è l’unica operazione a beneficiare della non imponibilità prevista per le cessioni all’interno dell’unione, secondo il consolidato orientamento della Corte di giustizia.

La soluzione contenuta nel nuovo articolo 36-bis, della direttiva 2006/112/Ce (a valere dal 1° gennaio 2020), è quella che qualora lo stesso bene sia ceduto più volte e sia spedito o trasportato da uno Stato membro a un altro, direttamente dal primo cedente all’ultimo acquirente nella catena, la spedizione o il trasporto sono imputati unicamente alla cessione effettuata nei confronti dell’operatore intermedio ed è quindi questa che può fruire del regime di non imponibilità.

In deroga a questa regola, la spedizione o il trasporto sono imputati unicamente alla cessione di beni effettuata dall’operatore intermedio, se quest’ultimo ha comunicato al cedente il numero di identificazione Iva attribuitogli dallo Stato membro a partire dal quale i beni sono spediti o trasportati.

Al fine di evitare approcci diversi tra gli Stati membri, che possono avere come conseguenza la doppia imposizione o la non imposizione, e al fine di accrescere la certezza del diritto per gli operatori, verranno comunque stabilite dal 1° gennaio 2020 norme comuni, secondo cui, purché siano soddisfatte determinate condizioni, il trasporto dei beni dovrebbe essere imputato a una sola cessione all’interno della catena di operazioni.

Il «call off stock»
L’accordo di call-off stock ricorre quando il venditore trasferisce uno stock di beni presso un deposito situato in un altro Stato membro, a disposizione di un acquirente conosciuto, e tale acquirente diventa il proprietario dei beni all’atto della loro estrazione dal deposito. Esistono però delle differenze nella disciplina applicata dai diversi Stati membri all’accordo di call-off stock, nell’ambito del commercio transfrontaliero. È quindi possibile che una medesima operazione sia considerata una cessione intracomunitaria presunta nello Stato di partenza e un acquisto intracomunitario presunto nello Stato di arrivo, con successiva realizzazione di una cessione interna nello Stato membro di arrivo nel momento in cui si realizza il prelievo dei beni da parte dell’acquirente.

Ciò finora avrebbe obbligato il cedente a identificarsi nello Stato di destinazione, con evidenti complicazioni e appesantimenti amministrativi, per adempiere agli obblighi correlati all’acquisto intracomunitario presunto, oltre che quelli eventuali previsti nello Stato di arrivo dei beni.

Grazie al nuovo articolo 17-bis, della direttiva n. 2006/112/Ce (avente effetto dal 1° gennaio 2020), l’invio dei beni in regime di call off stock da uno Stato membro a un altro, non configurerà più un’operazione intracomunitaria assimilata, ma una cessione e un acquisto intracomunitari effettivi, che si realizzano, tuttavia, solo al momento del trasferimento del diritto di disporre dei beni come proprietario in favore del soggetto destinatario dei beni e purché il trasferimento abbia luogo entro il termine di 12 mesi dall’arrivo dei beni.

Le prospettive
Abbiamo toccato solo alcuni punti delle novità che ci attendono in materia di Iva comunitaria, tuttavia già ci troviamo immersi in scenari non particolarmente semplici da assimilare. Lato software nella «prima fase» probabilmente sarà sufficiente lavorare nell’affinamento di alcuni aspetti gestionali, quali ad esempio l’inserimento di specifici controlli all’interno delle funzioni di fatturazione in presenza di operazioni triangolari, finora lasciata all’operatività manuale da parte degli utilizzatori. Si tratta comunque di attività complesse, da non sottovalutare.

La «seconda fase» richiederà da parte di tutti un impegno straordinario di adeguamento delle procedure, per cui occorrerà organizzare le attività di produzione prevedendo una corretta pianificazione.

AssoSoftware, nel suo ruolo istituzionale di supporto alle aziende associate, fornirà il necessario sostegno alle software house, nell’analisi di tutte le problematiche e nel dialogo tecnico con gli enti interessati.

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, dUe vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance della fatturazione unificata per i gruppi Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva alla prova della convenienza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, la via dell’integrazione dei sistemi per aumentare i vantaggi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, da subito l’obbligo di conservazione sostitutiva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

E-fattura, codice convenzionale se il cliente non comunica l’indirizzo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Termini sovrapposti per i versamenti dell’Iva e delle dichiarazioni dei redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il versamento carente dell’Iri in acconto non è sanzionabile
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci digitali, la road map parte da società quotate e soggetti Ias
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Privacy, software già allineati al Gdpr
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa con un set di dati già «precompilati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance del regime premiale per gli studi di settore
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Le incognite del ricalcolo dopo lo stop (tardivo) alla doppia rata per le partite Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deduzione dei costi, la Cassazione detta la linea sulle fatture originali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, ecco perché si applica l’esonero dalla tenuta dei registri Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, gli effetti dei controlli preventivi sui crediti a rischio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva, modello per l’opzione sottoscritto da tutti i partecipanti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deducibilità degli interessi passivi con nuovi criteri in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Beni ammortizzabili, rimborso Iva anche per il leasing
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Registri Iva verso l’estensione della stampa solo su richiesta dei verificatori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

F24, in arrivo nuove regole di compilazione e di compensazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così l’emissione dal committente per gli agenti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

«Fatture e corrispettivi», tutti i pro e i contro delle possibili modalità di accesso
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, costi e benefici delle tre soluzioni per la delega all’intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Acconto Iva con assist dal quadro VH della dichiarazione 2018
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci alla prova della nuova tassonomia Xbrl
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La dichiarazione 2019 fa spazio ai crediti del gruppo Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770/2019, invio separato dal sostituto in base al tipo di ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi strumenti informatici per applicare gli Isa nel 2019
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il riporto delle perdite «apre» anche al regime per cassa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La fattura elettronica «aggiorna» i registri Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, da AssoSoftware un tracciato per la Gdo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, ecco i costi che si possono ridurre
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così il versamento dell’imposta di bollo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

L’iperammortamento «dribbla» gli ostacoli sul calcolo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, tre strumenti per portarla a regime
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Redditi 2019 fa il pieno di novità: dagli Isa alle rivalutazioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, la prevenzione gioca d’anticipo sul rischio di attacchi informatici
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa, così l’impatto dei dati «precalcolati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica per gli appalti nella Pa, ad aprile arriva lo standard unico europeo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

«Fatture e corrispettivi» richiede la preventiva adesione al servizio di consultazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, conto alla rovescia per il primo debutto dell’obbligo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, test per il versamento del bollo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici anche attraverso la procedura web delle Entrate
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, esistenze iniziali rilevanti solo per chi proviene dall’ordinaria
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture elettroniche con numerazione univoca e progressiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura da e verso soggetto estero, slalom tra formati di emissione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, acquisizione dei dati precompilati in cerca di semplificazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa e software, rischio di insidie da monitorare con attenzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Superammortamento, il nuovo tetto dei 2,5 milioni complica il calcolo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazioni 2019, così il monitoraggio delle anomalie dei diagnostici
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fattura, tutti i passaggi per la consultazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Sulla fatturazione differita spazio a condizioni migliorative
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Proroga dei versamenti di Redditi, necessario l’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, nel periodo transitorio sì all’invio da parte degli intermediari
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le prospettive dopo i primi mesi dal debutto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura ricevuta ad agosto ma datata aprile, test per la detrazione Iva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Bonus energia, sconto in fattura solo con il consenso del fornitore
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Ricerca e sviluppo, il bonus «cerca» la concreta innovazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Autoscuole, rettifiche dell’Iva per le annualità pregresse
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Sostituzione e resi, due vie per il documento commerciale
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Crisi d’impresa, strumenti di allerta e indicatori alla prima prova dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, meno rigidità sulla data della «differita»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Note spese dei dipendenti in trasferta, così la conservazione elettronica dei documenti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag