Persone fisiche

Il beneficiario della detrazione non cambia in caso di incapienza

di Marco Zandonà

LA DOMANDA
Nel 2011 io e la mia compagna, conviventi, abbiamo effettuato interventi per il miglioramento termico dell'edificio nell'immobile (di residenza per entrambi) di mia proprietà. Precedentemente, era stato redatto e registrato un contratto di comodato d'uso gratuito, che rendeva la mia compagna comodataria dell'immobile. Sono stati, quindi, assolti tutti gli adempimenti necessari (asseverazione/certificazione dei produttori, allegato f, bonifico). Il tutto è stato effettuato a suo nome. Nel 2012 ci siamo sposati. Nel 730/2013 (relativo ai redditi 2012), mia moglie ha portato in detrazione la quota relativa alla seconda rata (io risultavo a suo carico). Nel 2013 e nel 2014, non avendo più reddito, non è stato più possibile fruire dell'agevolazione. Dal 2014 sono io a percepire reddito (e lei risulta a mio carico).
Posso portare in detrazione le restanti quote, considerando che sono proprietario dell'immobile, che siamo in comunione di beni e che, a tutt'oggi, viviamo nello stesso appartamento?

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?