Persone fisiche

Affitto con cedolare ad aliquote differenti

di Luigi Lovecchio

LA DOMANDA
Un immobile ad uso abitativo è locato a 2 soggetti diversi, con separati contratti. L'immobile ha 2 entrate indipendenti e di fatto si tratta di 2 appartamenti indipendenti; catastalmente però rappresenta un'unica unità abitativa. Una parte dell'immobile è stato locato nel 2012, con un contratto di locazione con cedolare secca al 21%; l'altra parte è stata locata nel 2015 con un contratto con cedolare secca e canone concordato (tassato al 10%).
In sede di dichiarazione dei redditi 730 (l'immobile è intestato a una persona fisica) il centro di elaborazione che predisponeva la dichiarazione ha sostenuto che al contratto stipulato nel 2015 con canone concordato e aliquota al 10% venisse applicata l'aliquota del primo stipulato nel 2012 con cedolare secca e aliquota al 21% in quanto il secondo contratto segue il primo, essendo anche una unica unità abitativa. Questa interpretazione è corretta?

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?