Persone fisiche

Per l’attività all’estero senza sede fissa in Italia tassazione solo oltreconfine

di Fabrizio Cancelliere

LA DOMANDA
Ho sposato una cittadina americana a fine 2015 e da allora vivo stabilmente con mia moglie a New York, ove ho un contratto d’affitto e sono intestatario di bollette. Da giugno 2016 sono anche iscritto all’Aire, quindi nel 2016 sarò residente all’estero per più di 184 giorni. Non ho figli, né immobili in Italia ma solo dei conti correnti con i miei risparmi, di cui uno in valuta estera (dollari). Nell’anno 2016 ho lavorato alle dipendenze di un’azienda italiana per 176 giorni. Mi occupo di marketing e vorrei collaborare a distanza in modo autonomo ma continuativo (tramite pc) con la stessa azienda italiana come professionista non residente (emettendo mensilmente fattura). Tutto ciò considerato:
a) nel 2017 dovrò presentare la dichiarazione dei redditi anche in Italia?
b) l’azienda deve o non deve applicare una ritenuta a titolo d’imposta del 30%, considerato che il reddito sarà di fatto prodotto all’estero?

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?