Professione e studio

La ripetuta indicazione dei costi nel quadro RE obbliga il professionista a versare l’Irap

di Romina Morrone

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

La costante ripetizione dei costi evidenziati nel quadro RE di ciascuna dichiarazione dei redditi del professionista, negli anni dal 1998 al 2000, si può considerare in mancanza di prova contraria un indice significativo dell’esistenza di un’autonoma organizzazione e, quindi, dell’obbligo, di pagare l’Irap. Ad affermarlo è la sentenza 4235/2017 della Cassazione. La vicenda La controversia riguarda il silenzio rifiuto opposto dall’agenzia delle Entrate all’istanza di rimborso Irap versata da un contribuente dal 1998 al 2000. Oltre ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?