Professione e studio

Nell’esercizio provvisorio tocca al curatore pagare Iva e ritenute

di Stefano Mazzocchi

In base all’articolo 74-bis, comma 2, del Dpr 633/1972 «per le operazioni effettuate successivamente all’apertura del fallimento (…) gli adempimenti previsti dal presente decreto, anche se è stato disposto l’esercizio provvisorio, devono essere eseguiti dal curatore»: il legislatore, quindi, ha posto un preciso obbligo in capo al curatore anche qualora sia stato disposto l’esercizio provvisorio dell’impresa. Ne deriva che in capo a quest’ultimo ricadono tutti gli adempimenti per quanto attiene il debito Iva per le operazioni attive poste in ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?