Reddito d'impresa

Concordato fallimentare, non si può sostituire il soggetto proponente

di Michele D’Apolito

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

L’assuntore di un concordato fallimentare non può sostituire a sé un altro soggetto proponente, al quale intenda cedere diritti ed obblighi conseguenti alla proposta, già approvata dai creditori ed in attesa della relativa omologa. Questo è quanto affermato in un recente provvedimento della Corte d’Appello di Palermo , chiamata a pronunciarsi su una questione non proprio frequente nella prassi fallimentare, ovvero la cessione da parte di un soggetto, propostosi inizialmente come assuntore di un concordato fallimentare, dei diritti e ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?