Societa e bilanci

Nessuna automatica retrodatazione della custodia cautelare per i reati prefallimentari

di Ferruccio Bogetti e Gianni Rota

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

La custodia cautelare in carcere per i reati prefallimentari non sempre può avvenire senza la preventiva dichiarazione di fallimento. Ancorché lo stato di insolvenza rappresenti il momento consumativo del delitto di bancarotta, intanto l’azione penale può esercitarsi prima della dichiarazione di fallimento quando vi è effettiva lesione degli interessi dei creditori. Tuttavia la retrodatazione degli effetti dei reati prefallimentari non opera quando il Pm, pur in presenza di indizi rivelatori del delitto di bancarotta, si limiti a rinnovare una ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?