Tributi locali

L’esempio dell’Irap serva anche alle perdite su crediti

di Raffaele Rizzardi

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

Ricordo ancora la crescente ilarità dei colleghi del comitato fiscale europeo del 1998, quando – presentando il neonato tributo chiamato Irap, che il legislatore aveva voluto classificare nelle imposte sui redditi – ne illustrai la base imponibile in termini di sommatoria di quattro elementi: utile dell'esercizio, costo del lavoro, oneri finanziari, perdite su crediti.Sappiamo bene che la base imponibile secondo la legge non è additiva ma sottrattiva, in quanto gli ideatori pensavano forse che il contribuente non si sarebbe ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?