Accertamento e contenzioso

La sentenza penale di appello può motivare per relationem alla pronuncia di primo grado

di Michela Grisini

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

La sentenza penale di appello può motivare per relationem alla pronuncia di primo grado che abbia condannato un imputato per il delitto di dichiarazione fraudolenta. È quanto emerge dalla terza sezione penale con sentenza del 20 aprile 2015, n. 16338 .Nell’ambito di un procedimento penale per reati tributari, l’imputato – al quale veniva contestato l’utilizzo di false fatture – veniva condannato sia in primo che in secondo grado per il delitto di dichiarazione fraudolenta mediante l’uso di fatture per ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?