Dichiarazioni e adempimenti

Ravvedimento, «bonus» sull’acconto

di Giovanni Parente

Un «bonus» per la dichiarazione integrativa. La presentazione successiva alla scadenza dell’acconto non comporta anche il ravvedimento della sanzione per carente/omesso versamento dell’acconto. Se l’importo versato per gli acconti è stato correttamente commisurato all’imposta determinata nella dichiarazione al momento del versamento, il contribuente non potrà essere assoggettato alla sanzione per carente/omesso versamento, anche se da una dichiarazione integrativa dovesse emergere un’imposta superiore a quella originariamente determinata. Naturalmente il contribuente dovrà poi provvedere a versare la differenza dovuta, calcolata ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?