Dichiarazioni e adempimenti

Compensazioni, F24 unica prova valida

di Laura Ambrosi

Solo gli F24 provano il delitto di indebita compensazione. Sono irrilevanti, infatti, ai fini probatori, le scritture contabili o i dati indicati nella dichiarazione. Ad affermare questo principio è la Corte di cassazione, terza sezione penale, con la sentenza n. 44737 depositata ieri. L'amministratore di una società veniva condannato per il reato di indebita compensazione (articolo 10 quater del decreto legislativo 74/2000) e la decisione veniva confermata anche in appello. ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?