Imposte indirette

Fine dell'affitto con imposta di registro a 67 euro

di Laura Ambrosi

LA DOMANDA
Ero inquilino in un appartamento, per il quale era stato stipulato un regolare contratto di locazione. Il proprietario non ha voluto accordare una riduzione del canone e, pertanto, ho risolto anticipatamente il contratto. È dovuta, viste le circostanze, l'imposta di registro per l'avvenuta risoluzione, che – a quanto mi risulta – dovrebbe essere pari a 200 euro dal 2014? E tocca a me pagarla?

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?