Imposte indirette

Reverse charge per l’appaltatore estero

LA DOMANDA Una società residente nella repubblica ceca(appaltatore) stipula con una società italiana (committente) un contratto di appalto relativo alla costruzione di un immobile in Italia. La società ceca affida in subappalto ad una impresa italiana (subappaltatore) parte dei lavori di costruzione dell'immobile in Italia. La società ceca, che non ha stabile organizzazione in Italia né è identificata fiscalmente in Italia, intende nominare un rappresentante fiscale in Italia. E' corretto che le fatture che il subappaltatore italiano emetterà nei confronti della società ceca siano emesse in regime di reverse charge ex art 17, comma 6, lettera a) Dpr n.633/72 e che siano cointestate al rappresentante fiscale ed al soggetto estero appaltatore?

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?