Imposte indirette

Niente annotazione per quietanze e ricevute

di Giorgio Confente

LA DOMANDA Un lavoratore autonomo, in contabilità ordinaria dei professionisti, ha diversi costi relativi all'attività, non documentati da fattura, ma da quietanze, bollette e ricevute varie, che registra sul registro cronologico, ma non sul registro degli acquisti ai fini Iva: è corretto questo comportamento, oppure tutti i costi non documentati da fattura vanno anch'essi registrati con un codice fuori Iva?

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?