Imposte indirette

Società estere, verifiche accurate

di Laura Ambrosi

Non può ritenersi in buona fede l’impresa italiana che vende merce, in regime di non imponibilità, a una società estera cessata da anni, per la quale non ha mai chiesto conferma sulla validità del codice Iva fidandosi soltanto di un sedicente rappresentante. A fornire questa interpretazione è la Corte di Cassazione con lasentenza n. 15639 depositata ieri L’Agenzia recuperava a tassazione l’Iva sulle vendite intracomunitarie effettuate nel 2004 da una società italiana ad un’impresa lussemburghese risultata poi cessata nel ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?