Imposte indirette

Iva, detrazione ammessa se si prova la concordanza dei registri

di Romina Morrone

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

La società può detrarre l’Iva se, nel termine per la presentazione delle dichiarazione annuale, non ha trascritto sui registri cartacei il contenuto dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici purché riesca a provare la concordanza tra i dati contenuti nel computer aziendale e le dichiarazioni presentate. Lo ha affermato la Cassazione con la sentenza n. 25871 del 23 dicembre. I fatti La GdF contestava ad una scrl che nel 2003, all’inizio delle operazioni ispettive, il registro Iva acquisti era ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?