Dichiarazioni e adempimenti

L'Agente di commercio italiano che svolge attività all'estero deve versare i contributi all'Enasarco

LA DOMANDA La Circolare AIS 19.7.2012,n.2/Prot. N. AIS/46 e l'Interpello, n. 32 del 19.11. 2013 del Ministero del Lavoro, determinano gli obblighi per l'apertura di posizione contributiva Enasarco per gli agenti che operano all'estero. L’ultima parte del interpello elenca i casi per i quali sussiste l’obbligo di apertura della posizione contributiva per l’agente. Dai due documenti non si comprende se esiste l’obbligo per Agenti operanti in paesi Extra-UE di iscrizione alla posizione contributiva Noi, abbiamo il caso di un Agente italiano, con centro dei propri interessi in Italia, che opera in maniera esclusiva in paesi Extra-UE per preponente italiano. Questo Agente è obbligato a versare i contributi all’Enasarco?

Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?