Dichiarazioni e adempimenti

Corrispettivi telematici, la chance del software

di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

Possono esistere soluzioni software, alternative all’acquisizione di sistemi RT (registratori telematici), per la memorizzazione e l’invio dei corrispettivi giornalieri telematici (scontrini elettronici) all’agenzia delle Entrate, in ottemperanza alla normativa e in vista delle prossime scadenze? Di recente, un’interrogazione parlamentare in Commissione finanze ha portato la questione all’attenzione del legislatore e del mercato.
Per il momento, infatti, è prevista di norma solo una soluzione hardware, ovvero solo registratori telematici standard, fisici.
Il sottosegretario Pier Paolo Baretta, a nome del Governo, ha confermato che l’agenzia delle Entrate ha già attivato tavoli di confronto con gli operatori del settore per individuare soluzioni software che «consentano, da un lato, di offrire più possibilità agli esercenti» e dall’altro di «garantire l’Amministrazione relativamente alla memorizzazione, sicurezza e inalterabilità dei dati con gli stessi livelli di garanzia offerti dai registratori telematici».


Il punto normativo

Ricordiamo qui quanto stabilisce la norma. L’articolo 17 del decreto legge 23 ottobre 2018, n. 119, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 dicembre 2018, n. 145 (articolo 17), ha modificato l’articolo 2, comma 1, del Dlgs 5 agosto 2015 n.127, trasformando da opzionale in obbligatoria l’adozione del processo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri da parte di tutti i soggetti passivi Iva che effettuano operazioni di cui all’articolo 22 del decreto del presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. In particolare, tale obbligo decorre dal 1° luglio 2019 per gli operatori Iva che hanno avuto, nell’anno precedente al 2019, un volume d’affari complessivo superiore a 400mila euro e dal 1° gennaio 2020 per tutta la restante parte dei soggetti sopra citati.
I commi 3 e 4 dell’articolo 2, del Dlgs 127/2015 stabiliscono, rispettivamente, che la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica devono essere effettuati mediante strumenti tecnologici che garantiscano l’inalterabilità e la sicurezza dei dati dei corrispettivi e che le informazioni da trasmettere, le regole tecniche, i termini per la trasmissione telematica e le caratteristiche tecniche degli strumenti siano definiti con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate.
Tale indicazione normativa ha permesso all’agenzia delle Entrate di definire, dapprima con provvedimento del 28 ottobre 2016, le modalità di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi tramite “RT” Registratori telematici (apparecchiature hardware derivanti dai registratori di cassa o misuratori fiscali) e, a seguire, con Provvedimento del 18 aprile 2019, di individuare anche una modalità software via web gratuita messa a disposizione dalla stessa agenzia delle Entrate.
Quindi il legislatore, nell’istituire l’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi, ha previsto esplicitamente che possano essere individuate, con provvedimento delle Entrate, diverse modalità tecniche per effettuare l’adempimento, purché esse rispettino i requisiti di inalterabilità e sicurezza sopra citati.
L’iniziativa dell’agenzia delle Entrate è quindi perfettamente compliant al dettato normativo ma risponde altresì a precise richieste del mercato e degli esercenti che proprio in questi mesi sono all’opera per adeguare i propri sistemi in vista dell’imminente adempimento.

Scontrini elettronici: i vantaggi delle soluzioni software

Perché conviene una soluzione solo software per la memorizzazione e invio dei dati dei corrispettivi giornalieri?
Come AssoSoftware sottolineiamo quattro ordini di ragioni di cui presentiamo i rispettivi vantaggi.

1.Ragioni strategiche
La digitalizzazione del nostro sistema di impresa è di fondamentale importanza per colmare il gap di produttività e competitività necessario a rilanciare la crescita del nostro Paese. Le principali istituzioni e il mondo scientifico concordano sulla necessità di accelerare il processo, cui alcune iniziative come Industry 4.0 e la fatturazione elettronica hanno già dato impulso significativo.
Il cardine della trasformazione digitale in atto sta proprio nella diffusione di soluzioni software, molto spesso in cloud, che oggi sono largamente accessibili sia per i costi sia per la facilità di implementazione e utilizzo. In questa prospettiva poter assolvere all’adempimento mediante una soluzione software sarebbe la via più coerente in termini di strategia evolutiva del sistema e quella più rispondente alle esigenze del mercato e degli utilizzatori finali, fornendo un contributo ulteriore al processo di innovazione e digitalizzazione del Paese.
A questo si aggiunga anche che, con la soluzione software per i corrispettivi telematici, l’amministrazione finanziaria completa e amplia notevolmente la gamma delle possibilità a disposizione del mercato, colmando un gap funzionale che al momento prevede solo il prodotto web gratuito dell’agenzia delle Entrate e lo strumento hardware del registratore telematico.

2.Ragioni tecnologiche
Dato per certo che una soluzione software può svolgere la medesima funzione di un RT e rispondere ai requisiti di inalterabilità e sicurezza dei dati in modo anche più stringente dell’hardware (cosa del resto già ampiamente dimostrata da applicazioni in ambito finanziario, ad esempio con uso di blockchain, ovvero da ultimo dalla migrazione da token hardware a software App per la generazione di codici sicuri, come previsto dalla normativa PSD2), si richiama l’attenzione su ulteriori circostanze che rendono tecnologicamente preferibile tale opzione:

• lo sviluppo, l’aggiornamento, e la manutenzione di un software possono essere gestiti in modo ben più veloce e flessibile rispetto a uno strumento hardware;

•la delivery, l’installazione e il successivo aggiornamento distribuito nel territorio possono avvenire quasi in tempo reale, senza presidio fisico e senza presenza in loco di personale specializzato;

•la garanzia di una trasmissione sicura e concentrata dei dati, limitando al contempo gli accessi ai sistemi dell’agenzia delle Entrate, è offerta da tutti quei soggetti accreditati all’Agenzia (provider o hub) che, dall’avvio della fatturazione elettronica, si sono organizzati nel mercato.

3.Ragioni di carattere operativo – gestionale
•Molte imprese utilizzano un software gestionale con il quale emettono sia fatture sia ricevute fiscali (corrispettivi): per le prime memorizzazione e trasmissione sono gestite via software, per le seconde, al momento questo non è possibile e occorre quindi acquistare obbligatoriamente l’apposito “RT” (registratore telematico).
•L’esigenza di documentare in modo dettagliato al cliente prodotti venduti e prestazioni erogate, da parte dei soggetti che emettono ricevute fiscali mal si concilia con i limiti di stampa dei sistemi “RT”.
•Una soluzione software può facilmente inserire quelle informazioni di dettaglio (corrispettivo non riscosso, ventilazione, suddivisione per centri di costo, eccetera), che sono al momento problematiche per i sistemi “RT”, ma che sarebbero necessarie per una corretta contabilizzazione dei documenti.
•L’uso di soluzioni software, integrate in una rete di provider accreditati all’agenzia delle Entrate per la trasmissione telematica, può favorire la collaborazione con i soggetti intermediari che gestiscono la contabilità per conto delle imprese, automatizzando i processi di contabilizzazione dei corrispettivi.
•L’uso di soluzioni software permette di gestire con maggior semplicità ed efficacia eventuali criticità operative collegate al mancato funzionamento temporaneo del RT.

4.Ragioni di carattere economico/finanziario
•La soluzione software evita l’acquisto di un sistema RT, ovvero di un device esclusivamente dedicato a questo compito. Per l’impresa che già fa uso di un software gestionale è un risparmio variabile tra i 500 e i 1.500 euro, senza contare anche i successivi costi di verifica e aggiornamento periodico.
•L’acquisizione di un nuovo software gestionale per l’impresa ha costi significativamente inferiori rispetto ai sistemi “RT”, grazie anche all’avvento delle nuove tecnologie cloud e alle numerose offerte del mercato.
•La soluzione software, non richiedendo l’acquisizione di un sistema RT, potrebbe permettere di ridurre, fino ad azzerarlo, il credito d’imposta spettante, con un risparmio significativo anche per lo Stato.
•L’agenzia delle Entrate, ammettendo anche il software come possibile strumento di memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi, facilita l’adempimento, accelerando l’adeguamento delle imprese e aumentando le probabilità di raggiungere gli obiettivi di lotta all’evasione e di maggior gettito.

Non bastassero queste ragioni, consideriamo la situazione del mercato. I dati comunicati dall’agenzia delle Entrate nell’evento del 23 ottobre scorso parlano chiaro: solo 460.000 sistemi RT sono già attivati, di cui solo 330.000 in servizio, su un totale di soggetti obbligati di circa 1,5 milioni che, in buona parte, sono ancora a digiuno di informazioni e, quindi, si muoveranno all’ultimo momento. Si tratta evidentemente di una tabella di marcia molto al di sotto delle aspettative dell’Amministrazione Finanziaria che, con questo trend, difficilmente potrà raggiungere tutto il target nei tempi indicati.
In questo scenario appare quindi fondamentale e urgente affiancare al registratore telematico anche soluzioni software che permettano, grazie a una più semplice attivazione e a un numero molto più elevato di operatori informatici, di far fronte velocemente a un numero di richieste crescenti che si concentreranno negli ultimi mesi.

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, dUe vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance della fatturazione unificata per i gruppi Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva alla prova della convenienza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, la via dell’integrazione dei sistemi per aumentare i vantaggi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, da subito l’obbligo di conservazione sostitutiva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

E-fattura, codice convenzionale se il cliente non comunica l’indirizzo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Termini sovrapposti per i versamenti dell’Iva e delle dichiarazioni dei redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il versamento carente dell’Iri in acconto non è sanzionabile
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci digitali, la road map parte da società quotate e soggetti Ias
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Privacy, software già allineati al Gdpr
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa con un set di dati già «precompilati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance del regime premiale per gli studi di settore
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Le incognite del ricalcolo dopo lo stop (tardivo) alla doppia rata per le partite Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deduzione dei costi, la Cassazione detta la linea sulle fatture originali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, ecco perché si applica l’esonero dalla tenuta dei registri Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, gli effetti dei controlli preventivi sui crediti a rischio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva, modello per l’opzione sottoscritto da tutti i partecipanti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deducibilità degli interessi passivi con nuovi criteri in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Beni ammortizzabili, rimborso Iva anche per il leasing
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Registri Iva verso l’estensione della stampa solo su richiesta dei verificatori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

F24, in arrivo nuove regole di compilazione e di compensazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così l’emissione dal committente per gli agenti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

«Fatture e corrispettivi», tutti i pro e i contro delle possibili modalità di accesso
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, costi e benefici delle tre soluzioni per la delega all’intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Acconto Iva con assist dal quadro VH della dichiarazione 2018
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci alla prova della nuova tassonomia Xbrl
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La dichiarazione 2019 fa spazio ai crediti del gruppo Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770/2019, invio separato dal sostituto in base al tipo di ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi strumenti informatici per applicare gli Isa nel 2019
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il riporto delle perdite «apre» anche al regime per cassa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La fattura elettronica «aggiorna» i registri Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, da AssoSoftware un tracciato per la Gdo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, ecco i costi che si possono ridurre
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così il versamento dell’imposta di bollo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

L’iperammortamento «dribbla» gli ostacoli sul calcolo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, tre strumenti per portarla a regime
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Redditi 2019 fa il pieno di novità: dagli Isa alle rivalutazioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, la prevenzione gioca d’anticipo sul rischio di attacchi informatici
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa, così l’impatto dei dati «precalcolati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica per gli appalti nella Pa, ad aprile arriva lo standard unico europeo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

«Fatture e corrispettivi» richiede la preventiva adesione al servizio di consultazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, conto alla rovescia per il primo debutto dell’obbligo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, test per il versamento del bollo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici anche attraverso la procedura web delle Entrate
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, esistenze iniziali rilevanti solo per chi proviene dall’ordinaria
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture elettroniche con numerazione univoca e progressiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura da e verso soggetto estero, slalom tra formati di emissione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, acquisizione dei dati precompilati in cerca di semplificazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa e software, rischio di insidie da monitorare con attenzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Superammortamento, il nuovo tetto dei 2,5 milioni complica il calcolo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazioni 2019, così il monitoraggio delle anomalie dei diagnostici
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fattura, tutti i passaggi per la consultazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Sulla fatturazione differita spazio a condizioni migliorative
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Proroga dei versamenti di Redditi, necessario l’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, nel periodo transitorio sì all’invio da parte degli intermediari
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le prospettive dopo i primi mesi dal debutto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura ricevuta ad agosto ma datata aprile, test per la detrazione Iva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Bonus energia, sconto in fattura solo con il consenso del fornitore
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Ricerca e sviluppo, il bonus «cerca» la concreta innovazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Autoscuole, rettifiche dell’Iva per le annualità pregresse
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Sostituzione e resi, due vie per il documento commerciale
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Crisi d’impresa, strumenti di allerta e indicatori alla prima prova dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, meno rigidità sulla data della «differita»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Note spese dei dipendenti in trasferta, così la conservazione elettronica dei documenti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modifiche comunitarie all’Iva, la road map per l’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, la ventilazione «taglia» l’indicazione dell’aliquota Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag