Professione e studio

Pec, il dietrofront delle Entrate rispetta i principi di semplificazione e razionalità degli adempimenti fiscali

di Rosanna Acierno

Q
D
FContenuto esclusivo QdF

Con la risoluzione n. 88/E del 14 ottobre 2014 , l'agenzia delle Entrate – anche se quasi allo scadere del termine prestabilito – ha opportunamente ravvisato l'inutilità di un adempimento di trasmissione del proprio indirizzo pec da parte di tutti i professionisti. Il dietrofront delle Entrate si inquadra nell'alveo della più volte auspicata osservanza dei principi di semplificazione e razionalità degli adempimenti fiscali di natura formale. In verità, come era prevedibile l'obbligo di comunicazione della pec era stato ...


Quotidiano del fisco

Il Quotidiano del Fisco è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per i commercialisti. L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?